Clicca qui per scaricare

La riabilitazione del bambino ipovedente
Titolo Rivista: CHILD DEVELOPMENT & DISABILITIES - SAGGI 
Autori/Curatori: A. Cavallini, Aldè G. Giammari, M. Sala, C. Marnoni, E. Pozzoni, R. Borgatti 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 48-66 Dimensione file:  105 KB
DOI:  10.3280/CDD2009-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La riabilitazione del bambino ipovedente - La riabilitazione-abilitazione della funzione visiva è un insieme di interventi, stimolazioni, esercizi volti a condurre il bambino ad usare il residuo visivo al meglio delle proprie possibilità. L’intervento riabilitativo si propone di adattare reciprocamente l’individuo e l’ambiente per portare il soggetto al maggior grado di autonomia, integrazione e indipendenza per lui possibili. L’intervento riabilitativo deve essere quanto più precoce possibile perché la disabilità visiva, come ogni disabilità in età evolutiva, può interferire con lo sviluppo globale del bambino. Punto di partenza di un corretto intervento riabilitativo è la valutazione clinica a cui segue una approfondita valutazione funzionale sia visiva che neuropsicomotoria. Le modalità dell’intervento variano a seconda dell’età, delle caratteristiche funzionali dell’incompetenza visiva e del quadro clinico complessivo. La presa in carico riabilitativa del bambino affetto da ipovisus comprende sia interventi sull’ambiente che interventi con il bambino. I genitori e gli operatori devono essere consapevoli di come vede il bambino per poter adeguare i propri comportamenti e gli ambienti alle sue potenzialità sensoriali. La scuola deve ricevere tutte le opportune informazioni sulla situazione visiva dell’alunno per poter adottare le modalità didattiche più idonee. La finalità del trattamento con il bambino è quella di favorire una migliore conoscenza della realtà conducendolo ad usare in modo ottimale ed integrato tutti i canali sensoriali, favorire, nei più piccoli, l’acquisizione di adeguate competenze psicomotorie e condurre il bambino verso la conquista dell’autonomia. L’approccio al bambino ipovedente richiede il lavoro di un team multidisciplinare costituito da diverse figure professionali (oftalmologi, neuropsichiatri, psicologi, terapisti della riabilitazione, pedagogisti, ortottisti) che si articolano nelle diverse fasi del follow-up.

Parole chiave: ipovisione, riabilitazione, bambino




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

A. Cavallini, Aldè G. Giammari, M. Sala, C. Marnoni, E. Pozzoni, R. Borgatti, in "CHILD DEVELOPMENT & DISABILITIES - SAGGI" 1/2009, pp. 48-66, DOI:10.3280/CDD2009-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche