Clicca qui per scaricare

La Costituzione del 1948 e la politica agraria italiana negli anni Cinquanta e Sessanta
Titolo Rivista: QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria 
Autori/Curatori: Giuseppe Barbero 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  28 P. 37-64 Dimensione file:  625 KB
DOI:  10.3280/QU2010-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I problemi economico-sociali del mondo rurale del secondo dopoguerra hanno avuto molto peso nella definizione della Carta costituzionale e nella elaborazione delle successive politiche agrarie. L’articolo, ricorda il ruolo della Commissione economica a sostegno del lavoro dei Costituenti, mettendo in evidenza due delle principali caratteristiche della Costituzione in tema di rapporti economici: a) la preminenza dei fini sociali verso cui devono essere indirizzate e coordinate le attività economiche e l’esercizio della proprietà privata; b) l’imposizione di obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata. Vengono inoltre descritte le iniziative di politica agraria successive all’entrata in vigore della Costituzione quali gli incentivi per la formazione della proprietà contadine, la proroga dei contratti agrari e i programmi di esproprio, bonifica e irrigazione


Keywords: Regolazione economica, Agricoltura e risorse naturali, Regime fondiario, Riforma agraria, Bonifica, Politica agraria.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Giuseppe Barbero, in "QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria" 1/2010, pp. 37-64, DOI:10.3280/QU2010-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche