Clicca qui per scaricare

Il rebus della resilienza nell’impatto con eventi traumatici. Una prospettiva psicobiologica
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Alexander C. McFarlane 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 41-62 Dimensione file:  329 KB
DOI:  10.3280/RSF2010-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La resilienza allo stress ambientale è un fenomeno multidimensionale che può manifestarsi durante l’età evolutiva o al momento dell’esposizione allo stress durante la vita adulta. Da un punto di vista biologico, una precisa defi nizione di resilienza è necessaria per consentire il progresso della ricerca in quest’area. Inoltre, risulta importante defi nire qual è la risposta normale ad un evento traumatico. Alcune recenti ricerche hanno sottolineato il fatto che molte persone sono esposte a fattori di stress maggiori di altre senza peraltro sviluppare sintomi signifi cativi. Il substrato biologico di questa apparente mancanza di reattività è investigato al meglio in studi longitudinali con molteplici rilevazioni di dati. Appare interessante, comunque, il fatto che gli studi di neuroimaging abbiano suggerito la possibilità che le esposizioni ad eventi traumatici non siano comunque a costo zero. In particolare, la neuroimaging di individui traumatizzati che non hanno sviluppato patologia sembra indicare alcune differenze nell’attività neurale rispetto ai controlli non esposti, indicativi del fatto che la resilienza potrebbe essere associata ad un crescente carico allostatico. Approcci promettenti per comprendere meglio la resilienza sono rappresentati dagli studi che esaminano l’interazione tra geni ed ambienti ad alto rischio. Particolarmente interessanti risultano i geni coinvolti nella risposta di allerta ed orientamento all’ambiente come pure i sintomi correlati al controllo esecutivo. Tuttavia, una comprensione ottimale della resilienza verrà dalla comprensione di quali geni incidano sulle reti neuronali e non su singole regioni del cervello o su isolati sistemi di neurotrasmettitori. Quindi da una prospettiva neurobiologica la resilienza deve essere vista come un processo longitudinale di adattamento, caratterizzato da fasi in cui l’adattabilità può avere delle accelerazioni e fasi in cui la funzione è compromessa.


Keywords: Disturbo Post-Traumatico da Stress, resilienza, allostasi, neuroimaging, stress, risposta.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Alexander C. McFarlane, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 1/2010, pp. 41-62, DOI:10.3280/RSF2010-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche