Clicca qui per scaricare

Acque vive: le gore di Colle di Val d'Elsa e gli edifici andanti a acqua
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Annica Gelli 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: 125 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 133-149 Dimensione file:  921 KB
DOI:  10.3280/SU2009-125007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La città di Colle di Val d’Elsa deve il suo sviluppo alla presenza dell’acqua e agli opifici che potevano funzionare mediante l’energia idraulica. Nella vallata sottostante il centro medievale di Onci ricche sorgenti perenni, opportunamente incanalate, vanno a rinvigorire il fiume Elsa. Nel XII secolo l’unico modo per sfruttare tali acque fu deviarne la quasi totalità in un canale artificiale, la gora, la quale seguendo il naturale dislivello morfologico del terreno arrivava fin dentro il Piano della città, una vera e propria area manifatturiera. Successive scissioni e prolungamenti dei canali corrisposero all’aumento degli edifizi andanti ad acqua, gualchiere, roterie, mulini e soprattutto cartiere. Nel Settecento la forza delle acque, regolata ed aumentata mediante delle cadute, riusciva a muovere ben diciassette opifici ma la crisi del mercato cartario amplificava le contese fra i proprietari. È in questo secolo di declino economico che si hanno i documenti cartografici e le relazioni idrauliche più interessanti, redatte da Ferdinando Morozzi ed altri ingegneri granducali chiamati ad intervenire direttamente dal Comune o dall’Appalto della Carta




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Annica Gelli, in "STORIA URBANA " 125/2009, pp. 133-149, DOI:10.3280/SU2009-125007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche