Clicca qui per scaricare

Di che genere?
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Luisa Martini, Danilo Solfaroli Camillocci 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: 30 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 5-16 Dimensione file:  653 KB
DOI:  10.3280/PR2009-030001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il termine "gener"’ indica una vasta gamma di cose o persone con caratteristiche comuni, ma differenziali rispetto ad altri gruppi. Per quanto riguarda il genere maschile e quello femminile, la letteratura mette in luce varie differenze oltre a quelle anatomiche e fisiologiche: nella percezione, nelle abilità spaziali, nelle capacità verbali, nell’aggressività e nel ciclo vitale. In parte, gli ormoni sono responsabili di queste differenze, ma la loro azione non è sufficiente a spiegarne la vastità e la variabilità. Le varie forme di gioco sociale negli animali (play fighting, chase play, play mothering) ci aiutano a renderci conto della complessa interazione di fattori ormonali e sociali nello sviluppo e nel consolidamento di queste differenze. Si rende così necessario pensare alle differenze di genere in termini di un sistema concettuale sesso-genere-sessualità che ci consenta di sfuggire alle rigide dicotomie maschile/femminile e omosessuale (proibito)/eterosessuale (permesso) per focalizzarci invece sull’interazione tra biologia e cultura, e non sul primato dell’una sull’altra. È possibile così riflettere e ridimensionare la forza degli stereotipi di genere, che tendono a mortificare l’individualità.


Keywords: Differenze, genere, gioco sociale, sesso, sessualità, stereotipi.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Luisa Martini, Danilo Solfaroli Camillocci, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 30/2009, pp. 5-16, DOI:10.3280/PR2009-030001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche