Clicca qui per scaricare

YouTube e civic commercial engagement. Il caso Obama Girl e Barely Political
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE  
Autori/Curatori: Matteo Vergani 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: 40 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 131-144 Dimensione file:  1152 KB
DOI:  10.3280/SC2009-040011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nuove interessanti pratiche di comunicazione politica hanno attraversato la campagna elettorale di Obama, soprattutto nell’ambiente del cosiddetto Web 2.0. In questo articolo si analizza il fenomeno dei video pubblicati su YouTube da Barely Political, il cui personaggio più famoso è Obama Girl, che ha ottenuto uno strepitoso successo sia sul Web che sugli altri media tradizionali. L’articolo analizza la comunicazione di Barely Political, valutandone l’efficacia e svelando l’esistenza di una strategia comunicativa professionale che si cela dietro a ciò che era stato ingenuamente definito l’emblema di una comunicazione amatoriale e naïve, tipica del Web 2.0. In questo articolo vengono presentati i risultati di una ricerca sui primi due anni della comunicazione di Barely Political: dal giugno del 2007 al maggio del 2009. Sono stati presi in considerazione tutti i 264 video prodotti da Barely Political in questo lasso di tempo, analizzando non solo i contenuti ma anche i paratesti (le visualizzazioni, i commenti, le votazioni che gli utenti hanno espresso sui video) e i metadata (come le tag). I risultati della ricerca portano a definire il progetto Barely Political come un esempio di civic commercial engagement, che mette insieme due obiettivi strategici, l’impegno civile e il coinvolgimento commerciale.




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Matteo Vergani, in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 40/2009, pp. 131-144, DOI:10.3280/SC2009-040011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche