Clicca qui per scaricare

Per un giudizio estetico "thick". Steinberg, Johns e l’arte contemporanea
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Stefano Velotti 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 67-85 Dimensione file:  297 KB
DOI:  10.3280/PARA2010-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore sostiene che oggi la natura del giudizio estetico è ampiamente fraintesa e necessita un riesame, e propone tre tesi, di derivazione kantiana: 1) che le nozioni di "gusto" e di "giudizio estetico" sono ancora essenziali per comprendere e giustificare l’importanza e il valore che (talvolta) riconosciamo all’arte (sia all’arte del passato, che all’arte contemporanea); 2) che il giudizio estetico non dipende da regole o da metodi determinati; 3) che il giudizio estetico non esprime preferenze individuali (thin), ma ha una struttura thick (concettuale e non-concettuale, culturale e transculturale)


Keywords: Arte contemporanea, Critica d’arte, Estetica kantiana, Giudizio estetico, Gusto, Leo Steinberg.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Stefano Velotti, in "PARADIGMI" 2/2010, pp. 67-85, DOI:10.3280/PARA2010-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche