Clicca qui per scaricare

Un trattato sui segni
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Giovanni Manetti 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  33 P. 165-197 Dimensione file:  360 KB
DOI:  10.3280/PARA2010-002013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il trattato De signis di Filodemo (40 a. C) gioca un ruolo fondamentale nella ricostruzione del pensiero semiotico dell’antichità, perché presenta un’ampia e sofisticata serie di riflessioni filosofiche concernenti l’inferenza da segni. Esso registra in quattro distinte sezioni (di cui qui è presentata la traduzione della prima) la polemica sorta tra gli epicurei e una scuola filosofica avversaria, che per alcuni è rappresentata dagli stoici. Gli epicurei consideravano l’inferenza da segni, o semeiosis, una procedura basata sulla similarità. La critica degli avversari era centrata sull’idea che un’inferenza deve essere basata non sulla similarità, ma sulla anaskeué ("eliminazione", talvolta interpretata come "inferenza alla migliore spiegazione", e considerata un "criteri"", non un "metodo"). Replicando alla critica gli epicurei elaborarono un criterio di validità del condizionale definito adianoesia ("inconcepibilità").


Keywords: Epicurei, Filodemo, Inferenza semiotica, Segno, Similarità, Stoici.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Giovanni Manetti, in "PARADIGMI" 2/2010, pp. 165-197, DOI:10.3280/PARA2010-002013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche