Clicca qui per scaricare

A proposito del film "Balzac" di J. Dayan. Roland Barthes, Honoré de Balzac e la Decostruzione
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Caterina Selvaggi 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 161-172 Dimensione file:  322 KB
DOI:  10.3280/PSOB2010-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La recente uscita in Italia di un film su Balzac, (regia di Josée Dayan) in coincidenza col trentennale della morte del critico-scrittore Roland Barthes, offre l’occasione di ripensare al notissimo saggio critico di Barthes dal titolo S/Z, che è un’analisi del racconto Sarrasine, dil Balzac. Si tratta di un saggio in cui Barthes espone la teoria critica che distrugge ogni pretesa alla interpretazione di un testo e alla ricerca in esso di “sigificati ultimi” e apre la strada a quella discussa corrente critica chiamata "decostruzione". Ma la visione del film su Balzac, accanto alla lettura del Journal de deuil, il diario scritto da Barthes per due anni dopo la morte della madre, pubblicato quest’anno in edizione italiana (per Einaudi), mostra analogie profonde tra il conflitto di Barthes con sua madre e il rapporto altrettanto drammatico di Balzac con la propria madre.


Keywords: Balzac; Barthes; S/Z, Sarrasine; critica del testo; interpretazione; decostruzione.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Caterina Selvaggi, in "PSICOBIETTIVO" 1/2010, pp. 161-172, DOI:10.3280/PSOB2010-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche