Le conseguenze sociali della crisi

Titolo Rivista: QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria
Autori/Curatori: Arnaldo Bagnasco
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 9 P. 131-139 Dimensione file: 60 KB
DOI: 10.3280/QU2010-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Per valutare le conseguenze sociali della crisi finanziaria e della recessione che ne è seguita bisogna prestare attenzione alla deriva di lungo periodo individuabile nell'aumento della disuguaglianza sociale. Nel caso italiano i dati permettono di concludere che sintomi di divaricazione sociale sono visibili anche prima della crisi recente. Inoltre, la crescita della disuguaglianza non è una faccenda solo italiana. Queste tendenze alla disuguaglianza hanno fatto sì che i sociologi abbiano sostituito l'immagine della confluenza al centro con quella della divaricazione sociale. La crisi della deregolazione riporta in primo piano la possibilità di interrogarsi su misure organiche per riavviare l’economia e perseguire nuovi accordi di coesione sociale.

Arnaldo Bagnasco, Le conseguenze sociali della crisi in "QA Rivista dell’Associazione Rossi-Doria" 3/2010, pp 131-139, DOI: 10.3280/QU2010-003007