Supervisione e gestione della crisi in una classe elementare pubblica

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Nishikawa Masahiro
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. 35-47 Dimensione file: 826 KB
DOI: 10.3280/GRU2010-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo studio è basato su una tecnica psicodinamica, l’asse della matrice mosaica (MMA), che si pone l’obiettivo di promuovere il consolidamento del Sé soggettivo individuale. Questo processo è permesso da una specifica sequenza psicodinamica: lo stabilirsi della repressione primaria individuale, della differenziazione tra sé e non sé e del vincolo dinamico tra Ego e autoidentità. Un caso di intervento su una classe ingestibile di bambini in età di latenza serve per illustrare la tecnica. L’autore ha condotto la supervisione di una consulente al quarto anno di un master di psicologia clinica. Le fasi dinamiche che hanno permesso il superamento della crisi sono state: 1) mostrando la propria "presenza" ai bambini, l’adulto cattura la libido nel corpo-Ego-identità di ciascun bambino; 2) catturando sia la libido sia l’aggressività del bambino, l’adulto rafforza la funzione dell’Ego del bambino nel dialogo; 3) creando una configurazione edipica intergenerazionale, che viene rappresentata dal gruppo normativo, l’adulto consente la collocazione del bambino nella configurazione. La strategia di base è stata formulata sulla base della Teoria della fluttuazione dell’equilibrio (Kotani) e si propone la gestione della fluttuazione di ogni bambino come una molecola utile a governare la macro-fluttuazione di una scuola, come organizzazione e come gruppo allargato.

Nishikawa Masahiro, Supervisione e gestione della crisi in una classe elementare pubblica in "GRUPPI" 1/2010, pp 35-47, DOI: 10.3280/GRU2010-001004