Clicca qui per scaricare

Quando i conflitti sono in gioco. Gruppi, formazione, diversità
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Donata Miglietta 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 103-110 Dimensione file:  289 KB
DOI:  10.3280/GRU2010-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il passaggio dalla posizione dell’ascolto al coinvolgimento corporeo del terapeuta che avviene nei gruppi di bambini è stato spesso sentito come eretico sia rispetto alla psicoanalisi sia rispetto alle teorie sui gruppi analitici. Nella formazione non si deve perdere di vista il fatto che, anche all’interno della stessa scuola, la pratica unificata è un’illusione (Schaffer). Il lavoro dei formatori è un lavoro di confine che regola il flusso della discordanza e della differenza e siamo noi a dovere vigilare affinché la diversità non si trasformi in guerra. Quando le diversità entrano in campo si tratta di affrontarne gli effetti. Nei gruppi di formazione per psicoterapeuti infantili il conflitto assume spesso figurazioni visibili e invisibili. Nei processi formativi con lo psicodramma si evidenziano percorsi evocatori di immagini che vanno dallo scontro tra bande armate al gioco dei bisticci fino all’integrazione delle differenze. Le psicoterapie sono oggi una galassia dai confini incerti e, come formatori, dobbiamo pensare ad un sistema aperto di conoscenza. Si dovrebbe mantenere la consapevolezza che non è impossibile che il processo vari da analista a analista, forse da paziente a paziente, in modo molto significativo (Meltzer). La questione è in visibile nei processi formativi della scuola COIRAG alla quale affluiscono sottogruppi con matrici teorico cliniche complesse e non certo univoche. La formazione si dovrebbe muovere nello spirito della COIRAG volto a costruire una storia comune in un tempo in cui tutti abbiamo bisogno di pace. Appare dunque significativo percorrere alcuni passaggi di questo percorso attraverso la formazione dei conduttori per gruppi in età evolutiva. Si descrive il percorso tra emersione delle differenze teoriche, scontro e confronto nella formazione dei conduttori di gruppi in età evolutiva. In analogia con il gioco dei bambini anche i conduttori modulano l’intensità del conflitto attraverso la comparsa e la circolazione di immagini ludiche. Il conflitto che si trasforma in gioco può facilitare il confronto tra diversità teorico-tecniche.


Keywords: Ideologie, trasformazioni ludiche, formazione, gruppi età evolutiva, gioco, conduttori.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Donata Miglietta, in "GRUPPI" 1/2010, pp. 103-110, DOI:10.3280/GRU2010-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche