Diritto penale e immigrazione: qualche riflessione sui limiti alla discrezionalità del legislatore

Titolo Rivista: DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA
Autori/Curatori: Francesco Viganò
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 24 P. 13-36 Dimensione file: 493 KB
DOI: 10.3280/DIRI2010-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Sommario: 1. Premessa - 2. Legittimità dello scopo e legittimità del mezzo - 3. La "proporzione" (in senso lato) dell’incriminazione rispetto allo scopo perseguito - 4. Le tecniche di intervento del diritto penale per il controllo dei flussi migratori: 4.1 a) le incriminazioni del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina - 4.2 b) l’aggravamento di pena a carico del clandestino che delinque - 4.3 c) la punizione del "clandestino" in quanto tale - 5. Più che una conclusione, una speranza

  • International Courts and the Development of International Law Bruno Nascimbene, Alessia Di Pascale, pp.911 (ISBN:978-90-6704-893-4)

Francesco Viganò, Diritto penale e immigrazione: qualche riflessione sui limiti alla discrezionalità del legislatore in "DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA" 3/2010, pp 13-36, DOI: 10.3280/DIRI2010-003002