Costituzionale il reato di clandestinità, incostituzionale l’aggravante: le ragioni della Corte costituzionale

Titolo Rivista: DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA
Autori/Curatori: Luca Masera
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 37-58 Dimensione file: 499 KB
DOI: 10.3280/DIRI2010-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

1. L’incostituzionalità della c.d. circostanza aggravante della clandestinità - 1.1 La violazione del principio di uguaglianza-ragionevolezza e del principio di offensività - 1.2 La differenza rispetto ad altre circostanze aggravanti soggettive e le dichiarazioni di incostituzionalità consequenziali - 1.3 Brevi note critiche - 2. La costituzionalità del c.d. reato di clandestinità - 2.1 Premessa - 2.2 Premesse alla motivazione - 2.3 Le censure di carattere generale - 2.4 Le censure riguardanti aspetti specifici della disciplina - 2.5 Brevi note critiche

  • Racism in and for the Welfare State Fabio Perocco, pp.261 (ISBN:978-3-031-06070-0)

Luca Masera, Costituzionale il reato di clandestinità, incostituzionale l’aggravante: le ragioni della Corte costituzionale in "DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA" 3/2010, pp 37-58, DOI: 10.3280/DIRI2010-003003