Le condanne per inottemperanza all’ordine del questore sono ostative per la regolarizzazione colf e badanti?

Titolo Rivista: DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA
Autori/Curatori: Guido Savio
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 8 P. 95-102 Dimensione file: 310 KB
DOI: 10.3280/DIRI2010-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

1. La questione - 2. Le ragioni per cui la condanna per il reato di cui all’art. 14, co. 5 ter, prima parte, non deve (dovrebbe) essere ritenuta ostativa alla regolarizzazione - 3. Gli orientamenti della giurisprudenza amministrativa

Guido Savio, Le condanne per inottemperanza all’ordine del questore sono ostative per la regolarizzazione colf e badanti? in "DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA" 3/2010, pp 95-102, DOI: 10.3280/DIRI2010-003006