Clicca qui per scaricare

Attending the Death of Pragmatism
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Douglas R. Anderson 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  11 P. 131-141 Dimensione file:  270 KB
DOI:  10.3280/PARA2010-003010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Pragmatism has had two separate careers: one with its originators from the end of the nineteenth century to the early years of the twentieth century and one sparked by Richard Rorty’s neo-pragmatism from the late twentieth century to the present. My suggestion in this essay is that it is time to attend to the death of pragmatism so that new philosophical outlooks might develop from its intermixing with other ideas. The suggestion stems from Peirce’s organic way of considering how an intellectual movement such as pragmatism evolves in an historical setting.

Il pragmatismo ha avuto due diversi momenti di sviluppo: il primo con i suoi fondatori dalla fine del diciannovesimo secolo ai primi anni del ventesimo e il secondo, innescato dal neo-pragmatismo di Richard Rorty, dal tardo ventesimo secolo fino a oggi. In questo saggio suggerisco che sarebbe tempo di lasciar morire il pragmatismo in modo tale che nuove proposte filosofiche si possano sviluppare dall’intreccio del pragmatismo con altre idee. Il suggerimento deriva dal modo organico in cui Peirce considera l’evoluzione storica di un movimento intellettuale come il pragmatismo.
Keywords: Continuità, Dewey, James, Peirce, Pragmatismo, Realismo



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Douglas R. Anderson, Fine del pragmatismo? in "PARADIGMI" 3/2010, pp. 131-141, DOI:10.3280/PARA2010-003010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche