Il Trattato di Lisbona: un decisivo passo in avanti per le autonomie territoriali

Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA)
Autori/Curatori: Luisa Domenichelli
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 1,2 Lingua: English
Numero pagine: 16 P. 165-180 Dimensione file: 322 KB
DOI: 10.3280/CEU2010-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo sottolinea le novità più importanti introdotte dal Trattato di Lisbona a difesa del ruolo delle autonomie territoriali a livello europeo. Riprendendo il corpus di disposizioni già proposte dalla Convenzione europea, il Trattato presenta un articolato disegno volto al coinvolgimento delle regioni e degli enti locali nel sistema europeo di governance multilivello. Questo disegno è riconducibile a tre nuclei principali: il riconoscimento delle autonomie territoriali come attori dell’ordinamento giuridico, l’attribuzione, all’interno del nuovo meccanismo di controllo del principio di sussidiarietà, di strumenti di partecipazione al processo decisionale comunitario e di tutela delle sfere di competenze e, infine, la garanzia di tali strumenti attraverso il riconoscimento del diritto di ricorso del Comitato delle Regioni alla Corte di giustizia.

Luisa Domenichelli, Il Trattato di Lisbona: un decisivo passo in avanti per le autonomie territoriali in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 1,2/2010, pp 165-180, DOI: 10.3280/CEU2010-001008