Il discorso d’odio razziale. Le tappe legislative e giurisprudenziali di un discutibile reato costituzionalmente protetto

Titolo Rivista: DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA
Autori/Curatori: Palmina Tanzarella
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 50-70 Dimensione file: 469 KB
DOI: 10.3280/DIRI2010-004004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Introduzione.<br/>1. Genesi ed evoluzione della legislazione sul discorso d’odio.<br/> - 1.1. L’adattamento ad un preciso obbligo internazionale.<br/>- 1.2. Le significative modifiche alla legge n. 654/1975.<br/> 2. La reazione della giurisprudenza all’applicazione del reato di hate speech.<br/>- 2.1. I primi passi per l’individuazione di criteri certi.<br/>- 2.2. Il caso Tosi. Verso una maggiore determinatezza della fattispecie.<br/>3. Quale copertura costituzionale al reato di hate speech.

Palmina Tanzarella, Il discorso d’odio razziale. Le tappe legislative e giurisprudenziali di un discutibile reato costituzionalmente protetto in "DIRITTO, IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA" 4/2010, pp 50-70, DOI: 10.3280/DIRI2010-004004