Un tè afgano

Titolo Rivista: FUTURIBILI
Autori/Curatori: Niccolò Rinaldi
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 1-2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 91-101 Dimensione file: 265 KB
DOI: 10.3280/FU2011-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’Autore mette in risalto come la conoscenza, la disponibilità e il dialogo del conoscere sono le condizioni per capire veramente l’afgano e la sensibilità afgana. E ciò è quello che manca in chi, straniero, si occupa dell’Afghanistan: diplomatico, militare, funzionario, volontario, tecnico medico, che arrivano, pensano di risolvere i problemi, per poi tornare presto in patria con un aumento di stipendio e di carriera. L’Autore richiama invece alcuni esempi di persone che entrano dentro all’animo afgano: Alberto Cairo è il più citato per la sua opera e i suo libri che riproducono questo rapporto con la vita quotidiana e l’identità afgana. Infine l’articolo riporta esperienze dirette dell’Autore, che si concentrano nell’incontro con Abdullah, il venditore di meloni, con il quale passa ore, sorbendo tè afgano, a parlare di vita quotidiana, di politica, a cominciare da Karzai.

Niccolò Rinaldi, Un tè afgano in "FUTURIBILI" 1-2/2011, pp 91-101, DOI: 10.3280/FU2011-001007