Clicca qui per scaricare

Ian Hacking e il bambino abusato. Dalla prefettura di polizia al dipartimento di filosofia
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Andrée Bella 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 1 Biomedicina e humanities Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 175-185 Dimensione file:  270 KB
DOI:  10.3280/PARA2011-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo presenta alcuni temi importanti dell’epistemologia delle scienze psichiche di Hacking e dei suoi studi sul concetto di "abuso su minore". La storia della nozione di abuso e la sua progressiva medicalizzazione sono secondo Hacking un esempio della circolarità classificatoria che egli attribuisce alle conoscenze nelle scienze dell’uomo. Per un meccanismo di interazioni fra esperti e pubblico, il termine "abuso su minore" copre, a partire dagli anni Sessanta, un numero sempre maggiore di comportamenti, fino a divenire una sorta di tabù attorno a cui si è catalizzata una rilevante attenzione pubblica e mediatica che contribuirebbe a provocare forti cambiamenti di tipo socio-culturale.


Keywords: Abuso su minore, Abuso sessuale, Costruzionismo sociale, Formazione dei concetti, Medicalizzazione, Sociologia della conoscenza



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Andrée Bella, in "PARADIGMI" 1/2011, pp. 175-185, DOI:10.3280/PARA2011-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche