Clicca qui per scaricare

Non ricostruire, ma costruire nuovamente. Hannover dopo la seconda guerra mondiale
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Sid Auffarth 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 129 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 155-170 Dimensione file:  291 KB
DOI:  10.3280/SU2010-129006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio dà conto del cosiddetto «miracolo di Hannover», la complessa, quanto rapida ricostruzione della città della Bassa Sassonia gravemente ferita durante il secondo conflitto bellico. La "nuova costruzione" ebbe un notevole impulso grazie alla fiducia nella riforma monetaria del 1948 e all’intraprendenza dell’assessore all’urbanistica Hillebrecht, il quale si attivò per una rinascita "partecipata" in cui protagonisti, a parte tecnici e politici, fossero prima di tutti i proprietari dei suoli e gli imprenditori. Il dibattito, costante e aggiornato, sui modi della ricostruzione fu anche esteso all’intera cittadinanza. Il punto di forza del progetto di Hillebrecht fu di pensare a una pianificazione che non tenesse conto dell’impianto originale, ricordato solo attraverso la ricostruzione di alcuni monumenti, ma che fosse rivolto allo sviluppo futuro. In questi programmi, che approdarono a un piano a blocchi (la viabilità, le residenze, il commercio, ecc.), la circolazione ebbe un ruolo fondamentale, forse sproporzionato rispetto alle esigenze del momento. Tant’è vero che, ancora oggi, fra le critiche al nuovo impianto urbano postbellico, ora in fase di revisione, vi è quella di aver dato luogo ad una "città a misura d’automobile".


Keywords: Hannover, Ricostruzione, Pianificazione urbana, Partecipazione



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Sid Auffarth, in "STORIA URBANA " 129/2010, pp. 155-170, DOI:10.3280/SU2010-129006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche