Clicca qui per scaricare

L’estimo di Carlo V (1543-1599) e il perticato del 1558. Per un riesame delle riforme fiscali nello Stato di Milano del secondo cinquecento
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Matteo Di Tullio 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 131 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  35 P. 1-35 Dimensione file:  751 KB
DOI:  10.3280/SS2011-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’estimo di Carlo V è stato a lungo considerato emblema del malgoverno spagnolo sullo Stato di Milano: un giudizio, formatosi in seno alla nuova amministrazione asburgica nel settecento, ripreso acriticamente da quasi tutta la storiografia. L’articolo si propone, utilizzando anche fonti inedite, di riconsiderare i motivi alla base della formazione dell’estimo, con un’attenta ricostruzione del sistema fiscale lombardo del cinquecento. Analizza il processo di riforma considerando le sue ricadute a livello centrale e locale, in particolare nel rapporto tra città e contadi e tra Milano e le altre città dello stato. L’autore dimostra che la riforma carolina, di pari passo con le altre innovazioni fiscali promosse dai governi spagnoli nel secondo cinquecento, favorì un sostanziale cambiamento dei rapporti di forza fiscali (e politici) tra i vari corpi dello stato.


Keywords: Estimo, Carlo V, Stato di Milano, riforma fiscale, cinquecento, città e contadi



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Matteo Di Tullio, in "SOCIETÀ E STORIA " 131/2011, pp. 1-35, DOI:10.3280/SS2011-001001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche