Clicca qui per scaricare

I banchieri italiani e la haute banque nel Risorgimento e dopo l’Unità
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Giuseppe Conti, Maria Carmela Schisani 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 131 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  38 P. 133-170 Dimensione file:  749 KB
DOI:  10.3280/SS2011-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nell’Europa di metà ottocento i mercanti banchieri furono gli artefici principali della rivoluzione finanziaria, ossia della formazione della banca ‘moderna’ e dei mercati finanziari collegati allo sviluppo di società anonime. In Italia ebbero difficoltà ad affermare forme di specializzazione, coordinamento, conquista di spazi e di ruoli. La loro azione risentì di un ambiente politico e economico parcellizzato e chiuso in ambiti locali. La concorrenza dei banchieri della haute banque contribuì al cambiamento ma anche a indebolire potenzialità e dinamiche autonome. Il frazionamento politico, in particolare, ebbe conseguenze rilevanti sulla formazione di un mercato nazionale di titoli pubblici e ritardò la crescita dell’emissione stessa di titoli privati (di ferrovie e banche). Negli stati preunitari molte furono le iniziative, poche quelle che andarono a buon fine. Il debito pubblico e lo sviluppo di alcune istituzioni bancarie seguì percorsi differenziati tra prima e dopo il 1848 per Regno delle Due Sicilie e Stato pontificio, da una parte, e gli altri stati, dall’altra. Per primi l’esposizione debitoria fu particolarmente rilevante dopo la Restaurazione per ragioni diverse dal crescente indebitamento che dopo il 1848 interessò i secondi, Regno di Sardegna, in particolare, dove servì a finanziare guerre e ferrovie. Con l’Unità il peso delle divisioni continuò a disgregare gli interessi e le istanze sociali e territoriali, contribuendo all’insuccesso del programma di centralizzazione del credito (banca d’emissione unica, un grande istituto di credito fondiario e agricolo) secondo un disegno coerente e ambizioso. Prevalsero invece soluzioni di ripiego che finirono per limitare le possibilità di crescita della banca privata in Italia, senza ridurre ancora l’influenza della finanza estera.


Keywords: Mercanti banchieri, haute banque, debito pubblico, sviluppo bancario, Risorgimento



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Giuseppe Conti, Maria Carmela Schisani, in "SOCIETÀ E STORIA " 131/2011, pp. 133-170, DOI:10.3280/SS2011-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche