Migrazione interna e migrazione attuale in Italia. Territorio e mutamento sociale in relazione al disagio psichico

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA URBANA E RURALE
Autori/Curatori: Santino Cambria
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 95 Lingua: English
Numero pagine: 11 P. 131-141 Dimensione file: 197 KB
DOI: 10.3280/SUR2011-095008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’imponente migrazione straniera, una migrazione inamovibile e crescente di famiglie, è vissuta dagli autoctoni massimamente in sostanziali termini di paura, seguendo il tradizionale percorso del pregiudizio. Studi ormai classici di sociologia, uniti ad altri studi, in particolare di psicologia, già evidenziavano queste e altre caratteristiche nella migrazione interna in Italia. Analisi e proposte non sembrano aver perduto validità se applicate alla migrazione attuale. Per i migranti la perdita della salute fisica e psichica è la perdita di tutto, e questo fornisce un primo possibile fondamento per il loro disagio psichico, ed anche per l’eccesso di ricoveri di urgenza e di trattamenti sanitari obbligatori. Per il migrante che cerca le cure solo quando è allo stremo sono necessari interventi forti di tipo psicosociale territoriale. Le ricerche sempre più accurate rivelano, quali cause determinanti o favorenti i disturbi psichici del migrante, le medesime cause relative ai disturbi psichici dell’autoctono. Risulta comunque evidente che, come per la tossicodipendenza, anche per la malattia mentale gli interventi fondati sul sociale sono inscindibili dagli interventi di ordine sanitario.

Santino Cambria, Migrazione interna e migrazione attuale in Italia. Territorio e mutamento sociale in relazione al disagio psichico in "SOCIOLOGIA URBANA E RURALE" 95/2011, pp 131-141, DOI: 10.3280/SUR2011-095008