Clicca qui per scaricare

Il contesto relazionale: intervista a Lewis Aron
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Adriano Schimmenti, Michele S. Piccolo 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 111-135 Dimensione file:  290 KB
DOI:  10.3280/INT2011-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo contributo viene presentata un’intervista con Lewis Aron, autore considerato per i suoi contributi teorici e per il suo impegno istituzionale una delle figure più significative della psicoanalisi relazionale. L’intervista è introdotta da una breve rassegna critica degli scritti di Aron e prende spunto dal concetto di "percorso psicoanalitico" per poi dipanarsi su tematiche proprie dell’autore intervistato. Nello specifico, si accenna alla questione della continuità-discontinuità dei recenti sviluppi psicoanalitici rispetto alla teoria classica; si collegano le trasformazioni teoriche e tecniche in psicoanalisi con i contesti culturali, storici e geografici di riferimento; si affronta la questione delle "chiavi terapeutiche" - quali insight, erlebnis, legame, relazione - presentate storicamente nelle diverse teorie psicoanalitiche. Attraverso un approccio tendenzialmente pragmatico e costruttivista, Aron affronta le domande poste riguardanti la storia, la teoria e i metodi della psicoanalisi evidenziando le contraddizioni a suo parere intrinseche nella cura psicoanalitica, fino a proporre il "contestualismo" quale fondamento del modello relazionale in psicoanalisi.


Keywords: Psicoanalisi relazionale, teoria psicoanalitica, storia della psicoanalisi, psicologia bipersonale, mutualità



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Adriano Schimmenti, Michele S. Piccolo, in "INTERAZIONI" 1/2011, pp. 111-135, DOI:10.3280/INT2011-001010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche