L’intervento di psicoemergenza dopo il terremoto aquilano

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Marco Longo
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 11-18 Dimensione file: 102 KB
DOI: 10.3280/GRU2010-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’autore descrive le condizioni che hanno determinato il tipo e la quantità di vittime e di danni provocati dal terremoto che ha colpito L’Aquila nell’aprile del 2009. L’evento ha avuto conseguenze relativamente limitate ma è stato preceduto per mesi da segnali che annunciavano il pericolo; ciò ha determinato una particolare condizione di stress emotivo nei superstiti. Amesi di distanza gli aquilani condividevano ancora la sensazione di essere stati abbandonati al proprio destino ed erano pervasi dalla fantasia che la "vera catastrofe" non li avesse ancora colpiti. Elenca la successione delle conseguenze psicologiche al trauma. Descrive, inoltre, le modalità di intervento e sostegno alla popolazione ospitata nelle tendopoli, nella prima fase di emergenza e nella seconda di "ricostruzione" edilizia e psicosociale, cui ha preso parte.

Marco Longo, L’intervento di psicoemergenza dopo il terremoto aquilano in "GRUPPI" 3/2010, pp 11-18, DOI: 10.3280/GRU2010-003002