Clicca qui per scaricare

Il "turco" e l’inquisitore. Schiavi musulmani e processi per magia nel Bagno di Livorno (XVII secolo)
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Cesare Santus 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 133 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  36 P. 449-484 Dimensione file:  576 KB
DOI:  10.3280/SS2011-133003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo prende in esame la presenza di schiavi musulmani all’interno del Bagno di Livorno nel XVII secolo, soffermandosi sulla loro esistenza quotidiana ed in particolare sulle relazioni da essi intrattenute con gli abitanti della città. L’analisi di alcuni processi inquisitoriali conservati presso l’Archivio arcivescovile di Pisa ha portato ad evidenziare l’esistenza di casi in cui clienti cristiani ricorrevano alle arti magiche dei "turchi", dettagliatamente descritte e perciò confrontabili con la tradizione islamica nordafricana. Questo fenomeno si dimostra allo stesso tempo frutto di un’ideologia che associava gli infedeli al mondo demoniaco ma anche uno dei canali attraverso cui si esercitava il confronto culturale tra le due sponde del Mediterraneo.


Keywords: Livorno; schiavi; islam; inquisizione; magia; XVII secolo



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Cesare Santus, in "SOCIETÀ E STORIA " 133/2011, pp. 449-484, DOI:10.3280/SS2011-133003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche