Clicca qui per scaricare

Sindacato fascista e stabilità corporativa nel Ferrarese (1934-1943)
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Roberto Parisini 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 133 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 525-549 Dimensione file:  519 KB
DOI:  10.3280/SS2011-133005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Attraverso lo studio delle campagne ferraresi, il saggio descrive il ruolo svolto dai sindacati (in particolare quello dei lavoratori) nell’erezione dei nuovi assetti corporativi in agricoltura da parte dello Stato fascista; e illumina al tempo stesso un processo condiviso da quell’ampia fascia delle campagne basso-padane caratterizzata principalmente dalla presenza del capitalismo agrario e del movimento bracciantile. Fuori dalle inconsistenze ideologiche e dai limiti totalitari (nonostante gli sforzi del capo del sindacalismo fascista, il ferrarese Edmondo Rossoni) messi progressivamente in mostra dal corporativismo fascista, emerge così la centralità avuta dal sindacato nel garantire stabilità, sul piano pratico, alla struttura corporativa, permettendo al regime di raggiungere comunque gli obiettivi economici e sociali voluti, anche nel contesto di tutti i pesanti limiti e delle gravi inefficienze che ne caratterizzarono la gestione delle risorse durante la guerra.


Keywords: Sindacalismo; agricoltura; totalitarismo; guerra; consorzi; fascismo



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Roberto Parisini, in "SOCIETÀ E STORIA " 133/2011, pp. 525-549, DOI:10.3280/SS2011-133005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche