Un modello cognitivo del disturbo di panico e dell’agorafobia. Aspetti psicopatologici e trattamento

Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO
Autori/Curatori: Andrea Gragnani, Giulia Paradisi, Francesco Mancini
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 36-54 Dimensione file: 151 KB
DOI: 10.3280/PSOB2011-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Lo scopo di questo articolo risiede nel presentare un perfezionamento del modello cognitivista del disturbo di panico, in particolare quello di Clark, che nonostante abbia conseguito negli anni robuste prove empiriche e cliniche a supporto, considera l’agorafobia esclusivamente come una sottoclasse di evitamenti del disturbo di panico. Il nostro modello si propone di superare i limiti esplicativi del modello classico e prevede la presenza di una specifica classe di sensazioni temute dall’agorafobico, quelle legate <i>all’indebolimento del senso di sé</i> ed una peculiare valutazione catastrofica delle stesse. Essa si manifesta apparentemente sotto forma di timori di morte ed impazzimento, ma sarebbe riconducibile al timore relativo alla perdita di controllo percepita come <i>dissolvimento</i> definitivo e irrecuperabile del <i>senso di sé</i>.

Andrea Gragnani, Giulia Paradisi, Francesco Mancini, Un modello cognitivo del disturbo di panico e dell’agorafobia. Aspetti psicopatologici e trattamento in "PSICOBIETTIVO" 3/2011, pp 36-54, DOI: 10.3280/PSOB2011-003003