Clicca qui per scaricare

L’Iran a partire dalla storia e dal territorio: un tentativo di lettura
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Paola Rivetti 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 131 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 11-34 Dimensione file:  807 KB
DOI:  10.3280/SU2011-131002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Iran è vittima di rappresentazioni stereotipate, che propongono cliché spesso in contraddizione tra di loro: da violento, chiuso in una rivoluzione medieval-religiosa, abitato da una società omogenea e statica, l’Iran è passato ad essere viceversa un paese "schizofrenico", dicotomico, diviso tra "modernità e tradizione". Transizione traghettata dalla ri-scoperta del paese, iniziata negli anni Novanta in seguito alla fine della guerra contro l’Iraq, l’elemento che la giustifica è la presunta sconnessione tra i comportamenti e i valori incoraggiati dal regime e quelli che sono invece presenti nella popolazione. Questa narrazione del paese, l’Iran come "mondo dei paradossi", restituisce solamente una parte della realtà e rinuncia a dipingerne la complessità. Ripartendo dalla storia e dalla geografia del paese, il contributo accenna ad alcuni aspetti tra i più complessi della realtà iraniana (l’estrema eterogeneità e il forte nazionalismo, le aspirazioni geopolitiche e l’"isolamento strategico", le trasformazioni sociali e il sostegno al regime), realtà composita ove convivono elementi spesso assai dissimili l’uno dall’altro.


Keywords: Stereotipi Complessità Geografia Trasformazioni sociali



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Paola Rivetti, in "STORIA URBANA " 131/2011, pp. 11-34, DOI:10.3280/SU2011-131002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche