Clicca qui per scaricare

Il fraseggio del corpo in psicoterapia. Alcune riflessioni a partire dalla teoria delle emozioni di William James
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE 
Autori/Curatori: Michele S. Piccolo 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 499-522 Dimensione file:  298 KB
DOI:  10.3280/PU2011-004009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autore prende in esame la teoria delle emozioni di James-Lange per riscoprirne elementi di modernità estensibili alle scienze psicologico-cliniche. L’emergere dell’emozione dal (1) contatto diretto tra corpo e mondo reale e (2) dalle reminiscenze dei contatti precedenti evidenzia la permeabilità della persona nei confronti dell’ambiente circostante. Il realismo di James induce a riflettere sull’importanza dell’ascolto degli "eventi reali" riferiti dal paziente e sull’impatto reale della figura del terapeuta ("qualità personali") nella situazione psicoterapeutica. L’Autore si focalizza quindi sulla relazione tra la narrativa e il corpo del paziente durante il trattamento e sottolinea come il terapeuta possa cogliere nelle comunicazioni per "immagini" del paziente riferimenti alla sfera somatica. L’Autore traccia dei collegamenti tra la concezione jamesiana delle emozioni, il "feeling di quel che accade" concettualizzato da Antonio Damasio e le riflessioni sulla dimensione subsimbolica avanzate da Wilma Bucci.


Keywords: James-Lange, Bucci, corpo-mente, subsimbolico, realismo esistenziale



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Michele S. Piccolo, in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 4/2011, pp. 499-522, DOI:10.3280/PU2011-004009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche