Clicca qui per scaricare

L’esercito e la contraerea 1940-1943
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori:  Nicola Labanca 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 263 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 207-216 Dimensione file:  510 KB
DOI:  10.3280/IC2011-263002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo, basato su fonti archivistiche inedite, analizza l’organizzazione della difesa contraerea, la parte ‘attiva’ della protezione antiaerea allestita dal regime fascista durante la seconda guerra mondiale. Essa rivelava forti contraddizioni: il ruolo centrale era del ministero della Guerra, ma la direzione era presso il ministero dell’Interno; militare era il sottocapo di Stato Maggiore per la difesa territoriale (che fu molto attivo nel cercare di riformare l’organizzazione della difesa aerea), ma i suoi poteri erano limitati. Nel primo anno di guerra, 1940- 1941, la contraerea del regime fascista non dovette fronteggiare attacchi analoghi a quelli portati contro la Germania nazista. Nel secondo, 1941-1942, alcune riforme furono introdotte e in questo settore il rapporto fra Italia e Germania fu percepito come importante dal regime fascista. Verso la fine della guerra fascista, fra 1942 e 1943, l’Italia subì i maggiori bombardamenti e la difesa contraerea si rivelò complessivamente insufficiente. Nel gioco fra riforme e struttura del sistema, nonostante l’attivismo del sottocapo, le sfide si rivelarono troppo forti per i mezzi che il regime poteva attivare.


Keywords: Contraerea italiana, protezione antiaerea, fascismo, seconda guerra mondiale, bombardamenti aerei, sottocapo di Stato Maggiore per la difesa territoriale



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Nicola Labanca, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 263/2011, pp. 207-216, DOI:10.3280/IC2011-263002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche