Clicca qui per scaricare

Roma capitale del regno d'Italia: l'inserimento dei ministeri negli organismi conventuali
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Silvia Crialesi 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 132 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 271-295 Dimensione file:  4421 KB
DOI:  10.3280/SU2011-132010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La vicenda dell’uso dei complessi conventuali romani, quali sedi di ministeri ed uffici governativi per la nuova capitale del Regno d’Italia, si inserisce nel più vasto quadro del riuso degli immobili appartenenti agli enti religiosi soppressi dopo l’unificazione ed è un esempio della complessa situazione determinatasi a Roma dopo il 20 settembre 1870. I problemi che si affrontano in questa fase, inoltre, costituiscono un passaggio significativo nel lungo e travagliato processo di costituzione dell’ordinamento di tutela dei beni artistici del nuovo stato unitario, sia a livello centrale sia periferico.


Keywords: Roma - Capitale - Riuso - Edifici conventuali



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Silvia Crialesi, in "STORIA URBANA " 132/2011, pp. 271-295, DOI:10.3280/SU2011-132010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche