Clicca qui per scaricare

Possiamo davvero parlare di neo-patologie?
Titolo Rivista: GRUPPI 
Autori/Curatori: Francesco Conrotto 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 11-24 Dimensione file:  253 KB
DOI:  10.3280/GRU2011-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore discute il concetto delle cosiddette "neo-patologie", cioè le forme di sofferenza prevalenti nei pazienti che oggi si rivolgono agli psicoterapeuti in cerca di aiuto (depressioni, psicosomatosi, varie forme di dipendenza, disturbi alimentari ecc.). Egli mostra, attraverso una analisi attenta e rigorosa della formazione e del funzionamento dell’apparato psichico di questi pazienti, che non si tratta, in realtà, di psicopatologie "nuove", ma di forme sintomatologiche che risentono, ovviamente, del contesto culturale, la cui struttura psichica sottostante è spiegata con precisione dalla seconda topica freudiana. Queste psicopatologie sono sempre state trattate con il dispositivo analitico e possono, pertanto, continuare a essere prese in carico, senza dover fare ricorso a "nuove teorie", ma solo con le opportune modificazioni della tecnica.


Keywords: Neo-patologie, apparato psichico, soggetto dell’inconscio, psicoanalisi, struttura di personalità, sintomatologia.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Francesco Conrotto, in "GRUPPI" 1/2011, pp. 11-24, DOI:10.3280/GRU2011-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche