Clicca qui per scaricare

L’inizio della fine Nazisti e civili in fuga dal Reichsgau Wartheland, gennaio-marzo 1945
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Matteo Ermacora 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 264 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 361-384 Dimensione file:  164 KB
DOI:  10.3280/IC2011-264002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo analizza la fine del dominio nazista nel Wartheland, territorio della Polonia occidentale incorporato nel Terzo Reich nel 1939. Il Gauleiter Arthur Greiser promosse la germanizzazione dell’area mediante il trasferimento dei Volksdeutsche, l’espulsione dei polacchi e lo sterminio degli ebrei. Nel 1945 l’avanzata dell’Armata rossa nel Wartheland determinò una vasta migrazione forzata; vengono analizzati i piani predisposti per l’evacuazione della popolazione, il loro carattere ideologico-propagandistico, le direttrici e le modalità di fuga dei civili. Attraverso l’analisi delle relazioni che i funzionari locali inviarono alla cancelleria del partito nazista, vengono ricostruite la fallimentare mobilitazione della Volkssturm, il cinismo e l’irresponsabilità di Greiser e la dissoluzione dell’amministrazione nazista. La fuga dei profughi tedeschi fu inasprita dalla violenza sovietica, dalla concomitante ritirata della Wehrmacht e dall’ostilità dei polacchi; non meno difficile si rivelò l’assistenza dei profughi nel Reich, dove furono accolti con diffidenza.


Keywords: Wartheland, Arthur Greiser, profughi tedeschi del 1945, Volksdeutsche, migrazioni forzate, Volkssturm



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Matteo Ermacora, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 264/2011, pp. 361-384, DOI:10.3280/IC2011-264002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche