Clicca qui per scaricare

La psicologia della Gestalt e la scoperta dei neuroni specchio
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Morris N. Eagle, Jerome C. Wakefield 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 45-52 Dimensione file:  433 KB
DOI:  10.3280/GEST2011-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Studi recenti nel campo delle neuroscienze evidenziano che, nel momento in cui osserviamo un’altra persona compiere un’azione, si attivano nella nostra corteccia motoria gli stessi neuroni che si attiverebbero se noi stessimo compiendo l’azione osservata; tali neuroni sono stati chiamati "neuroni specchio". Il principio dell’isomorfismo esterno o interpersonale, formulato dagli psicologi della Gestalt Köhler e Koffka nel periodo tra gli anni ’20 e gli anni ’40, ha di fatto anticipato molti aspetti emersi dalla scoperta dei neuroni specchio. Inoltre, tanto la teoria dei gestaltisti, basata sul principio dell’isomorfismo interpersonale, quanto l’attuale teoria di Gallese (2003) sulla "simulazione incarnata", ispirata dalla scoperta dei neuroni specchio, convergono con l’affermazione centrale che la nostra generale abilità di comprendere le azioni, le emozioni e le intenzioni degli altri sia implicita, automatica e non inferenziale.


Keywords: Isomorfismo interpersonale, neuroni specchio, Psicologia della Gestalt, simulazione incarnata, empatia incarnata.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Morris N. Eagle, Jerome C. Wakefield, in "QUADERNI DI GESTALT" 2/2011, pp. 45-52, DOI:10.3280/GEST2011-002005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche