Clicca qui per scaricare

Trovare e dedurre: modi dell'apriorità in Husserl e Kant
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori:  Luca Bisin 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 79-89 Dimensione file:  91 KB
DOI:  10.3280/PARA2012-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Secondo una lettura consolidata, la nozione husserliana di apriori materiale segnerebbe una dissoluzione radicale della problematica kantiana della deduzione. Eppure autori come Natorp e Schlick hanno avanzato l’ipotesi che anche l’apriori fenomenologico possa sollevare una domanda di legittimità e richiedere qualcosa come una deduzione trascendentale. Lo scopo del presente saggio è di sondare la plausibilità di queste obiezioni. L’assunto di base è che l’esigenza kantiana della deduzione non nasce dal carattere soggettivo o categoriale dell’a priori, bensì dal difficile rapporto tra la validità ideale delle regole e la loro concreta fungenza nell’esperienza. La figura fenomenologica della Wesenschau radicalizza questo nesso e ne rilancia le implicazioni problematiche.


Keywords: A priori materiale, Deduzione trascendentale, Husserl, Kant, Validità.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Luca Bisin, in "PARADIGMI" 1/2012, pp. 79-89, DOI:10.3280/PARA2012-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche