Clicca qui per scaricare

Kant era moneista?
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori:  Franca D'Agostini 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 91-109 Dimensione file:  118 KB
DOI:  10.3280/PARA2012-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo si concentra sul problema della metafisica, abbozza un confronto tra la concezione di Kant e il noneismo (la prospettiva meinongiana delineata oggigiorno da Routley e Priest), e presenta la posizione di Kant in metafisica come una forma di realismo, benché corretto da semi-costruzionismo in epistemologia. È un punto che il cosiddetto "kantismo" contemporaneo ha sottovalutato: la critica di Putnam all’ontologia è dichiaratamene "kantiana" ma non prende in considerazione la speciale idea di ontologia e metafisica implicite nella concezione kantiana. Kant non rinuncia, come ritiene Putnam, al tradizionale progetto di descrivere metafisicamente la realtà in sé, ma piuttosto illumina la nozione di metafisica proponendo il metodo critico basato sull’idea di "mondo comune". Adotta così una sorta di metafisica liberalizzata insieme ad una semantica realista: ed è esattamente ciò che i meinongiani, e cioè i noneisti, cercano di fare.


Keywords: Kant, Meinong, Putnam, Metafisica, Noneismo, Realismo.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Franca D'Agostini, in "PARADIGMI" 1/2012, pp. 91-109, DOI:10.3280/PARA2012-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche