Clicca qui per scaricare

Wilfrid Sellars’s disambiguation of Kant’s "intuition". Its relevance for the analysis of perceptual content
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Paul Redding 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  14 P. 127-140 Dimensione file:  99 KB
DOI:  10.3280/PARA2012-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Wilfrid Sellars riteneva che le intuizioni kantiane fossero ambigue: un’intuizione, secondo una certa lettura, è un aristotelico "questo in quanto tale". Ciò offre un modo per aggirare i noti problemi cui è esposta la spiegazione del contenuto percettivo - per altro verso sellarsiana (e kantiana) - data da McDowell. Questi prende in considerazione ma respinge il suggerimento di Sellars. Il problema che vi scorge può essere tuttavia aggirato se si modifica la spiegazione di Sellars e si tratta il contenuto percettivo come "proposizionale", nel senso aristotelico di "prótasis". Questo risolve i problemi della teoria della percezione di McDowell, ma mostra anche perché Kant avesse bisogno di un’altra "faccia" per la sua ambigua nozione di intuizione. La lettura che Sellars dà di Kant mostra qui analogie con quella di Hegel.


Keywords: Aristotele, Intuizione, Kant, McDowell, Percezione, Sellars.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Paul Redding, Sellars e l’ambiguità dell'"intuizione" kantiana. La rilevanza del suo chiarimento per l’analisi del contenuto della percezione in "PARADIGMI" 1/2012, pp. 127-140, DOI:10.3280/PARA2012-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche