Clicca qui per scaricare

Transcendental Philosophy and the Challenge of the Human Body: Merleau-Ponty and Kant
Titolo Rivista: PARADIGMI 
Autori/Curatori: Angelica Nuzzo 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  15 P. 157-171 Dimensione file:  100 KB
DOI:  10.3280/PARA2012-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


This essay discusses Merleau-Ponty’s assessment of Kant’s philosophy looking first at his critique of Kant’s transcendental idealism in the preface to the 1945 Phenomenology of Perception, and second at his account of the duality of the concepts of nature in the 1956-57 lecture notes on Nature at the Collège de France. In both cases, Merleau-Ponty points to the encounter with the issue of the living/lived body as the stumbling block that halts the transcendental inquiry leading to his transcendental phenomenology. Along this itinerary, countering Merleau-Ponty’s reading a different interpretation of Kant is offered. The claim is made that Kant did not evade the problem of the human body but made it functional to his own transcendental inquiry. Task of this essay is to measure the distance that separates the two accounts of Kant’s view of sensibility, namely, the critical account that inspires Merleau-Ponty’s phenomenology of the lived body leading him beyond the alleged impasse of Kant’s transcendental idealism, and what the author claims to be Kant’s own transcendental view of sensibility.

Questo saggio presenta l’interpretazione che Merleau-Ponty dà della filosofia trascendentale di Kant, prendendo in considerazione in primo luogo la critica a Kant e l’alternativa metodologica tra filosofia trascendentale e fenomenologia nella prefazione della Fenomenologia della percezione (1945), per poi passare alla ricostruzione del duplice concetto kantiano di natura tra prima e terza Critica nel corso sull’idea di Natura tenuto al Collège de France (1956-57). In entrambi i casi Merleau-Ponty indica nella comprensione del problema del "corpo proprio" o corpo vivente/vissuto l’ostacolo fondamentale per la filosofia trascendentale kantiana ed il punto di ispirazione della propria fenomenologia. Contro la critica di Merleau-Ponty si offre una diversa interpretazione della dottrina kantiana della sensibilità - una dottrina molto più vicina alla filosofia di Merleau-Ponty di quanto questi sia disposto a riconoscere. Il che mette in questione il fatto che la filosofia trascendentale kantiana debba effettivamente venir superata in una fenomenologia
Keywords: Corpo, Fenomenologia, Filosofia trascendentale, Natura, Sensibilità, Spazio.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Angelica Nuzzo, La filosofia trascendentale ed il problema del corpo vivente: Merleau- Ponty e Kant in "PARADIGMI" 1/2012, pp. 157-171, DOI:10.3280/PARA2012-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche