Dove si coltiva la città. Community gardening e riattivazione di spazi urbani

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA URBANA E RURALE
Autori/Curatori: Anna Uttaro
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 98 Lingua: English
Numero pagine: 16 P. 12-27 Dimensione file: 162 KB
DOI: 10.3280/SUR2012-098002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

A partire dai casi di Parigi e Roma, l’articolo traccia un ragionamento teso a considerare i community gardens come spazi per praticare cittadinanza attiva. Analizzando la genesi e lo stato di fatto nelle due capitali, si perviene ad una sintesi critica tesa a mettere in relazione spazi, pratiche ed immaginari. La grande diversità dei due esempi conduce il ragionamento verso una scelta: bisogna completamente pianificare ed organizzare il community gardening o piuttosto sarebbe più proficuo immaginare questi giardini come una sorta di spazi di libertà nelle città?

Anna Uttaro, Dove si coltiva la città. Community gardening e riattivazione di spazi urbani in "SOCIOLOGIA URBANA E RURALE" 98/2012, pp 12-27, DOI: 10.3280/SUR2012-098002