Clicca qui per scaricare

Amnesia dissociativa e trauma: una prospettiva secondo la teoria della dissociazione strutturale
Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA 
Autori/Curatori: Onno van der Hart 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 121-135 Dimensione file:  1743 KB
DOI:  10.3280/RSF2012-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel DSM-IV l’amnesia dissociativa è considerata un’entità clinica distinta che può prendere le seguenti forme: amnesia localizzata, amnesia continua, amnesia sistematizzata, amnesia generalizzata e amnesia selettiva. In ambito clinico, tuttavia, essa è più comunemente presente come espressione sintomatica di disturbi più complessi ed estesi, soprattutto i disturbi dissociativi complessi (e spesso in pazienti che hanno subito traumi acuti e cronici). La dissociazione è il risultato di un’integrazione difettosa, che di solito si produce in occasione di esperienze traumatiche, di quei sistemi neuro-bio-psicologici dalla struttura estremamente complessa costituita dalla personalità. Questo difetto comporta una dissociazione della personalità in due o più parti scisse - sottosistemi dinamici e attivi, ma rigidi e relativamente chiusi. In base a questo approccio concettuale, alcune di queste parti dissociate possono contenere ricordi traumatici che, se riattivati, riscatenano certi vissuti e certe messe in atto; nel contempo, il resto della personalità rimane relativamente intatto, preso dalla vita quotidiana, in un atteggiamento fobico nei confronti delle parti implicate nei ricordi traumatici. Quindi, la dissociazione è mantenuta da una serie di fobie che nel corso del trattamento necessitano di una particolare attenzione. La cura prevista è un trattamento mirato alla fase, preceduto da un’indagine neurologica completa e dall’impiego di procedure diagnostiche standardizzate, nonché dalle scale per i disturbi dissociativi. Il difficile processo di esplorazione dei ricordi traumatici e della loro integrazione con gli altri aspetti della personalità richiede una sufficiente capacità integrativa nel paziente. Quindi, lo scopo iniziale non è la risoluzione rapida (e forzata) dell’amnesia, ma viceversa l’instaurarsi di una senso di sicurezza e di stabilità nella vita quotidiana e nella terapia.


Keywords: Amnesia, dissociazione, disturbi dissociativi, diagnosi, trattamento.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Onno van der Hart, in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 2/2012, pp. 121-135, DOI:10.3280/RSF2012-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche