Clicca qui per scaricare

Lo sguardo ambivalente sulla tradizione nei quaderni di scuola durante il periodo fascista: Pistoia 1929
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Chiara Martinelli 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 137 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  28 P. 599-626 Dimensione file:  523 KB
DOI:  10.3280/SS2012-137004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Attraverso l’analisi dei quaderni e dei diari esposti durante la Mostra della Scuola tenutasi a Pistoia nel 1929, l’articolo esamina le relazioni tra scuola e tradizioni popolari quali si erano configurate con la riforma Gentile e l’avvento del Fascismo: l’attenzione che queste ultime riversarono sul folklore, infatti, si riflette nel cospicuo numero di poesie e tradizioni popolari trascritte nei quaderni. Le modalità con cui le tradizioni popolari vennero presentate, secondo l’Autore, delinea i contorni di una musealizzazione della tradizione che, definita a grandi linee già dal Fascismo stesso, selezionava tutte quelle abitudini che potevano giovare al regime e rigettava quelle che, al contrario, potevano minarne i tentativi di influenzare la mentalità contadina. Tale comportamento, secondo l’Autore, indusse il Regime a cercare di acquisire la preminenza già propria della famiglia: il contrasto tra le autorità, tuttavia, creò una sorta di "terra di nessuno" dove i bambini poterono cominciare ad approcciarsi alla modernità in maniera autonoma.


Keywords: Tradizioni popolari; modernizzazione; politica culturale fascista; scuola; quaderni di scuola; insegnanti.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Chiara Martinelli, in "SOCIETÀ E STORIA " 137/2012, pp. 599-626, DOI:10.3280/SS2012-137004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche