Clicca qui per scaricare

Un metodo per l’analisi empirica dei fenomeni di concentrazione spaziale delle attività economiche basato su dati micro-geografici
Titolo Rivista: RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO 
Autori/Curatori: Diego Giuliani, Giuseppe Espa 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 38-58 Dimensione file:  802 KB
DOI:  10.3280/REST2012-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La concentrazione spaziale delle attività economiche, a causa delle implicazioni che può avere per la crescita economica locale e le disparità territoriali, è un fenomeno di grande interesse per l’economia e le scienze regionali. È stato tuttavia riconosciuto che un ostacolo rilevante allo studio di tale fenomeno è rappresentato dalla mancanza di metodi appropriati per la sua misurazione (Combes, Overman, 2004; Combes et al., 2008). Un recente approccio alla misurazione, basato sulle metodologie della point pattern analysis, utilizza dati micro-geografici e considera le imprese come punti privi di dimensione distribuiti nello spazio economico. Rispetto alle misure di concentrazione tradizionali tale approccio non soffre del problema dell’arbitrarietà dei confini regionali. Tuttavia, in circostanze pratiche, i punti (imprese) osservati nello spazio economico non possono essere considerati privi di dimensione e sono, al contrario, caratterizzati da dimensioni diverse in termini di numero di occupati, fatturato, capitale ecc. L’approccio basato sulla point pattern analysis trascura l’aspetto della diversa dimensione delle imprese e quindi ignora il fatto che un grado elevato di concentrazione spaziale possa essere dovuto, per esempio, sia a un numero elevato di imprese di piccole dimensioni localizzate in un’area geografica ristretta e sia a poche imprese di grandi dimensioni localizzate vicine. In questo articolo, facendo riferimento alla teoria dei processi di punto marcati (Penttinen, 2006), il problema viene affrontato adattando la funzione K di Ripley in modo tale che tenga conto della dimensione dei punti. Per illustrare il metodo proposto, viene presentata un’applicazione empirica all’analisi della distribuzione spaziale delle imprese manifatturiere ad alta e medio-alta intensità tecnologica nei comuni di Milano e Torino


Keywords: Agglomerazione industriale, concentrazione spaziale, industria manifatturiera, point pattern analysis, funzione K di Ripley, processi di punto marcati
Jel Code: C21, D92, L60, O18, R12



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Diego Giuliani, Giuseppe Espa, in "RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO" 3/2012, pp. 38-58, DOI:10.3280/REST2012-003003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche