Clicca qui per scaricare

La presenza difficile. Ebrei, potere centrale ed élites locali in una periferia pontificia: la marca anconitana (secoli XVI-XVIII)
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Claudia Colletta 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 138 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 735-750 Dimensione file:  490 KB
DOI:  10.3280/SS2012-138003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Tra XVI e XVIII secolo gli ebrei stanziati nello Stato Pontificio riuscirono a tramandare le proprie attività nelle città "senza ghetto", da cui erano stati espulsi nel 1569 da papa Pio V, e dove il potere centrale non permetteva di ricostruire una stanzialità ebraica permanente. Durante questi due secoli l’Inquisizione romana concesse agli ebrei di tornare nelle terre di espulsione solo per partecipare alle fiere stagionali. Tuttavia, molte città autorizzarono gli ebrei a trattenersi anche dopo il termine delle fiere per favorire la continuità dei loro commerci. Oppure, furono gli stessi ebrei a evadere i divieti pontifici approfittando della distanza da Roma e quindi di un controllo non sempre vigile da parte degli inquisitori centrali. In alcuni casi furono capaci di ricostruire una presenza duratura fino alla fine del XVIII secolo.


Keywords: Ebrei, papa Pio V, Stato Pontificio, Inquisizione romana, città "senza ghetto", fiera.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Claudia Colletta, in "SOCIETÀ E STORIA " 138/2012, pp. 735-750, DOI:10.3280/SS2012-138003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche