Il futuro di Gerusalemme. The Nusseibeh-Ayalon agreement

Titolo Rivista: FUTURIBILI
Autori/Curatori: Sari Nusseibeh
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 114-120 Dimensione file: 221 KB
DOI: 10.3280/FU2011-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’Autore affronta il tema del futuro di Gerusalemme evidenziando l’importanza del simbolismo nel rendere unica la città, ma anche nel rendere divisa la città. Due sono i punti che vengono affrontati. E cioè anzitutto che l’occupazione dell’Est Gerusalemme deve finire. In secondo luogo, e anche come ragione per porre fine a questa occupazione, è il carattere speciale e divino di Gerusalemme: per questo Gerusalemme non è conquistabile con la forza e la violenza, in quanto per la sua divinità ha lo status di città santa. E poi l’entrata a Gerusalemme deve avvenire sulla base dell’uguaglianza degli uomini e del loro status. Guardando al futuro di Gerusalemme essa deve essere ricomposta tenendo presente due elementi: il paesaggio fisico del suo aspetto urbanistico-architettonico e il paesaggio umano dei tanti gruppi sociali che vivono la città. Paesaggio fisico, paesaggio umano e fine dell’occupazione sono le basi perché le due parti (palestinese e israeliana) possano negoziare come realisti ma anche come idealisti.

Sari Nusseibeh, Il futuro di Gerusalemme. The Nusseibeh-Ayalon agreement in "FUTURIBILI" 3/2011, pp 114-120, DOI: 10.3280/FU2011-003007