Clicca qui per scaricare

Rappresentare il lavoro che cambia. Una lettura diacronica dell’osservazione statistica delle professioni
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Francesca Gallo, Pietro Scalisi 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 129 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 40-62 Dimensione file:  641 KB
DOI:  10.3280/SL2013-129004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo esamina le istanze che hanno sorretto le diverse rappresentazioni del lavoro che si sono succedute nelle statistiche ufficiali sulle professioni, con l’obiettivo di aiutare a cogliere i significati attribuiti nel tempo alla componente principale dell’identità degli individui, il lavoro, e a comprenderne i significati attuali. Esaminando le logiche e i criteri che hanno attraversato il dibattito internazionale sulle tassonomie, gli autori si soffermano sull’esigenza di ampliare le prospettive dalle quali osservare il lavoro, riconoscendo l’insufficienza del linguaggio basilare definito dalla classificazione. Per cogliere gli elementi chiave utili a guidare la crescita economica e sociale di un paese si rende indispensabile, infatti, arricchire l’insieme dei ‘vocaboli’ a disposizione per descrivere il lavoro e individuare nuovi strumenti d’indagine per rilevare i contenuti reali delle professioni e i requisiti per esercitarle.


Keywords: Classificazione delle professioni, analisi del lavoro, modello O*NetTD, indagine campionaria sulle professioni, competenza

  1. Istat (1991), Classificazione delle professioni, Metodi e norme, Serie C, Roma
  2. Accornero A. (1997), Era il secolo del lavoro, Bologna: il Mulino
  3. Butera F., Bagnara S., Cesaria R., Di Guardo S., a cura di (2008), Knowledge working. Lavoro, lavoratori, società della conoscenza, Milano: Mondadori Università
  4. Elias P. (1997), Occupational Classification (Isco-88): Concepts, Methods, Reliability, Validity and Cross-National comparability, Oecd Labour Market and Social Policy Occasional Papers, n. 20, Oecd Publishing
  5. Gallo F., Oteri C., Scalisi P. (2012), Il lavoro che cambia: proposte per una ri-classificazione delle professioni, in Atti del convegno della Società Italiana di Statistica Prendere decisioni - Il ruolo della statistica per la conoscenza e la governante (Roma, 19-20 aprile 2012)
  6. Gallo F., Scalisi P. (2011), Definitional aspects and classification criteria of occupations in the 150 years of the Italian Republic, in Atti del convegno della Società Italiana di Statistica Statistics in the 150 years from Italian Unification (Bologna, 8-10 giugno 2011)
  7. Gallo F., Scalisi P., Scarnera A., a cura di (2007), L’indagine sulle professioni. Contenuti, metodologia e organizzazione, Roma: Istat, Metodi e norme n. 42
  8. International Labour Office (1956), International Classification of Occupations for Migration and Employment Placement, Geneva
  9. International Labour Office (1958), International Standard Classification of Occupations - Isco58, Geneva
  10. International Labour Office (1969), International Standard Classification of Occupations - Isco68, Geneva
  11. International Labour Office (1988), International Standard Classification of Occupations - Isco88, Geneva
  12. International Labour Office (2012), International Standard Classification of Occupations - Isco08, Geneva
  13. Isfol (2007), Nomenclatura e classificazione delle Unità Professionali, Temi&Strumenti, Studi e ricerche 36
  14. Istat (1939), VIII Censimento generale della popolazione aprile 1936-XIV. Volume I. Atti del censimento. Parte seconda. Atti relativi alle classificazioni professionali. Roma
  15. Istat (1961), Classificazione delle professioni, Metodi e Norme, Serie C, Roma
  16. Istat (1971), Classificazione delle professioni, Metodi e Norme, Serie C, Roma
  17. Istat (1981), Classificazione delle professioni, Metodi e Norme, Serie C, Roma
  18. Istat (2001), Classificazione delle professioni, Metodi e norme, Serie C, Roma
  19. Kochan T.A., Barley S.R., Mavor A.S. (1999), The changing nature of work. Implications for occupational analysis, Washington D.C.: National Research Council, National Academy Press
  20. Ministro d’Agricoltura, Industria e Commercio - Direzione generale della statistica (1904), Censimento della popolazione del Regno d’Italia 1901, Roma, volume V, Relazione sul metodo di esecuzione e sui risultati del censimento, raffrontati con quelli dei censimenti italiani precedenti e dei censimenti esteri
  21. Oecd (2011) Towards an Oecd Skills Strategy
  22. Oecd/Spd (Social Policy Division) (2011), Causes of Growing Inequality in Oecd Countries, Oecd Publishing
  23. Quintini G. (2011), Over-qualified or Under-skilled: A Review of Existing Literature, Oecd Social, Employment and Migration Working Papers n. 121
  24. Peterson N.G., Mumford M.D., Borman W.C., Jeanneret P.R., Fleishman E.A. (1999), An Occupational Information System for the 21st Century: the Development of O*Net, Washington: American Psychological Association, DC, 2002
  25. Reyneri E. (2006), Sociologia del mercato del lavoro, Bologna: il Mulino

Francesca Gallo, Pietro Scalisi, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 129/2013, pp. 40-62, DOI:10.3280/SL2013-129004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche