Demolizione, riuso e conservazione delle fortificazioni di Brescia (1802-1927)

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Stefania Girelli
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 136 Lingua: English
Numero pagine: 54 P. 69-122 Dimensione file: 2100 KB
DOI: 10.3280/SU2012-136003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio ripercorre il processo di erosione della cerchia muraria di Brescia che, tra il 1802 e il 1927, portò progressivamente al suo pressoché totale smantellamento. La dinamica di tale processo, dalle istanze di demolizione alle modalità del riuso delle aree così derivate, viene ripercorsa analizzando l’evoluzione della città dal punto di vista economico e sociale che, unitamente alla perdita delle funzioni fisiche e simboliche del sistema difensivo, trasformò la cinta muraria in una barriera all’ampliamento urbano.

Stefania Girelli, Demolizione, riuso e conservazione delle fortificazioni di Brescia (1802-1927) in "STORIA URBANA " 136/2012, pp 69-122, DOI: 10.3280/SU2012-136003