Clicca qui per scaricare

Il diritto alla rabbia e il coraggio di invecchiare
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Mario Fulcheri 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 2-3 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 213-224 Dimensione file:  194 KB
DOI:  10.3280/RIP2012-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il progressivo invecchiamento della popolazione e un fenomeno che ha interessato, negli ultimi anni, tutti i paesi industrializzati, conducendo ad un radicale cambiamento nella struttura della societa. Tuttavia, l’obiettivo di aggiungere vita agli anni e non solo anni alla vita e derivato dalla constatazione e dall’evidenza che all’aumentato numero di anziani non corrisponde per molti una migliorata qualita di vita. L’attuale societa, sorretta dal bisogno onnipotente ed irrazionale di eternita, dominata dal giovanilismo, dalla dittatura del presente e sostenuta da uno scarso interesse nei confronti del passato, ha di fatto escluso l’anziano dalla possibilita di poter continuare a realizzare i suoi bisogni di affermazione e compartecipazione, esponendolo al rischio psicopatologico della depressione. All’interno di questo contesto socio-culturale, il sostenere e l’incoraggiare l’anziano verso la riscoperta dei suoi diritti, tra i quali soprattutto quello del diritto alla rabbia, inteso sia come espressione e realizzazione di se stessi sia come valorizzazione di un sentimento sociale orientato verso il lato utile della vita, significhera promuovere un invecchiare coraggioso e creativo.


Keywords: Coraggio, depressione, invecchiamento, rabbia, sentimento sociale.

  1. Adler, A. (1912). Il temperamento nervoso. Roma: Ed. Astrolabio
  2. Adler, A. (1920). La psicologia individuale. Roma: Newton Compton
  3. Adler, A. (1926). Psicologia individuale e conoscenza dell’uomo. Roma: Newton Compton.
  4. Adler, A. (1927). La conoscenza dell’uomo. Roma: Newton Compton.
  5. Adler, A. (1933). Il senso della vita. Roma: Newton Compton
  6. Amoretti, G., & Ratti, M. T. (2011). Psicologia e terza età. Prospettive psicologiche sul tema dell’invecchiamento. Roma: Carocci Editore.
  7. Ansbacher, H.L., & Ansbacher, R.R. (1956). The individual psychology of Alfred Adler. New York: Basic Books
  8. Baltes, P.B., & Baltes, M.M. (1990). Successful aging. New York: Cambridge University Press
  9. Baroni, M.R. (2008). I processi psicologici dell’invecchiamento. Roma: Carocci Editore.
  10. Birren, J.E., & Schaie, K.W. (1977). Handbook of the psychology of aging. New York: Van Nostrand & Reinhold
  11. Blazer, D.G. (1994). Epidemiology of late-life depression. In L.S. Schneider, C.F. Reynolds, B.D. Lebowitz & A.J. Friedhoff (Eds.), Diagnosis and treatment of depression in late life. Washington DC: American Psychiatric Association Press.
  12. Bond, J., Coleman, P., & Peace, S. (1993). Ageing in society. London: Sage
  13. Butler, R.N. (1963). The life review, an interpretation of reminiscence in the aged. Psichiatry, 26, 65-76
  14. CENSIS (2007). Il tempo della terza età. Indagine Censis salute, La Repubblica.
  15. Cesa-Bianchi, M. (1998). Giovani per sempre? L’arte di invecchiare. Roma: Laterza.
  16. Cesa-Bianchi, M. (2000). Psicologia dell’invecchiamento. Roma: Carocci Editore
  17. Cesa-Bianchi, M., & Albanese, O. (2004). Crescere e invecchiare. La prospettiva del ciclo di vita. Milano: Unicopoli
  18. Cesa-Bianchi, M., Cristini, C., & Giusti, E. (2009). La creatività scientifica. Il processo che cambia il mondo. Roma: Sovera
  19. Chattat, R. (2004). L’invecchiamento. Processi psicologici e strumenti di valutazione. Roma: Carocci Editore
  20. Christensen, K., Doblhammer, G., Rau, R., Vaupel, J.W. (2009). Ageing populations: the challenges ahead. The Lancet, 374(9696), 1196-1208
  21. Cristini, C., & Cesa-Bianchi G. (Eds.) (2003). Il Centro Diurno Integrato. Una risorsa per la qualità della vita. Milano: FrancoAngeli
  22. Cristini, C. (Ed.) (2007). L’anziano e la sua cultura. Aspetti biologici, psicologici e relazionali. Bergamo: Grafital Torre Boldone
  23. Cristini, C., Albanese, A., & Porro, A. (Eds.) (2010). Il viaggio verso la saggezza. Come imparare a invecchiare. Milano: FrancoAngeli
  24. Cumming, E., & Henry, W.E. (1961). Growing old. New York: Basic Book.
  25. Delle Fave, A. (2007). La condivisione del benessere. Il contributo della psicologia positiva. Milano: FrancoAngeli
  26. Dinkmeyer, D., & Dreikurs, R. (1963). Il processo di incoraggiamento. Firenze: Giunti e Barbera
  27. Dreikurs, R. (1968). Lineamenti della psicologia di Adler. Firenze: La Nuova Italia.
  28. Fulcheri, M. (1980). L’individual psicologia e gli anziani. Rivista di psicologia individuale, 8(13), 18-24
  29. Fulcheri, M., & Monaco, F. (1994). Momenti critici dell’esistenza: l’adolescenza, il tempo del lavoro, l’invecchiamento. Torino: Raffaello Cortina
  30. Fulcheri, M. (2005). Le attuali frontiere della psicologia clinica. Torino: Centro Scientifico Editore
  31. Fulcheri, M., Lo Iacono, A., & Novara, F. (2008). Benessere psicologico e mondo del lavoro. Torino: Centro Scientifico Editore
  32. Giusti, E., & Murdaca, F. (2008). Psicogerontologia. Interventi psicologici integrati in tarda età. Roma: Sovera
  33. Grano, C., & Lucidi, F. (2005). Psicologia dell’invecchiamento e promozione della salute. Roma: Carocci Editore
  34. Havighurst, R.J. (1950). The meaning of work in relation to retirement policy. Journal of Gerontology, 5, 382-90.
  35. Khan, R. (2003). Successful aging, intended and unintended consequences of a concept. In L.W. Poon, S.H. Gueldner, & B.M. Sprouse (Eds.), Successful Aging and Adaptation with Chronic Diseases. New York: Springer.
  36. Livingston, G., Hawkins, A., Graham, N., Blizard, B., & Mann, A. (1990). The Gospel Oak study, prevalence of dementia, depression and activity limitation among elderly residents in inner London. Psychological Medicine, 20, 137-46.
  37. Lyness, J.M., King, D.A., Cox, C., Yoediono, Z., & Caine, E.D. (1999). The importance of subsyndromal depression in older primary care patients, prevalence and associated functional disability. Journal of the American Geriatric Society, 47(6), 647-52.
  38. Maffei, L. (1998). Il mondo del cervello. Roma-Bari: Laterza.
  39. Norman, E.J., & Redfern, S.J. (1997). Mental health care for elderly people. Edinburg (UK): Churchill Livingston
  40. O’Brien, J.T., & Ames, D. (1994). Why do the depressed elderly die. International Journal of Geriatric and Psychiatry, 9, 689-94
  41. Pagani, P.L. (1998). I principi dell’incoraggiamento. In B. Sanfilippo (Ed.), Itinerari adleriani. Milano: FrancoAngeli
  42. Parenti, F., & Pagani, P.L. (1980). Protesta in grigio. Nel labirinto della depressione. Milano: Editoriale Nuova
  43. Parenti, F. (1986). Un impegno: mantenere e aggiornare il carattere analitico della psicologia individuale. Rivista di psicologia individuale, 24, 5-14.
  44. Parenti, F., & Pagani, P.L. (1987). Lo stile di vita. Novara: De Agostini
  45. Patten, S.B. (2002). Personality and mood adaptivity with aging. Geriatrics and Aging, 5, 14-7.
  46. Resnik, S. (2012). L’arte del dettaglio. Sulle rocce di Capri, Van Gogh, Pan ed Egon Schiele. Capri: La Conchiglia
  47. Rovera, G.G. (1977). La individual-psicologia: un modello aperto. Rivista di psicologia individuale, 6/7.
  48. Rovera, G.G. (2000). La psicologia individuale: concetti fondamentali. Individ. Psychol. Dossier 1, Saiga
  49. Scocco, P., & Trabucchi, M. (2007). Counseling psicologico e psichiatrico nelle case di riposo. Torino: Centro Scientifico Editore
  50. Scortegagna, R. (1999). Invecchiare. Bologna: il Mulino
  51. Scortegagna, R., & Fiore, F. (2009). La popolazione che invecchia. In R. De Beni (Ed.), Psicologia dell’invecchiamento, (pp. 53-77). Padova: il Mulino
  52. Simeone, I. (2001). L’anziano e la depressione. Roma: Cesi.
  53. Spagnoli, A. (2005). L’età incerta e l’illusione necessaria. Introduzione alla psicogeriatria. Torino: Utet Libreria
  54. Walter, H. (1999). Vivere la vecchiaia. Sfide e nuove qualità di vita. Roma: Armando

Mario Fulcheri, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 2-3/2012, pp. 213-224, DOI:10.3280/RIP2012-002005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche