Clicca qui per scaricare

La costruzione organizzativa della sicurezza: il ruolo della formazione
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Barbara Giullari 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 130 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 172-190 Dimensione file:  308 KB
DOI:  10.3280/SL2013-130011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’oggetto del saggio è il legame tra formazione alla sicurezza e dimensione organizzativa quale terreno in cui si mettono in campo e si confrontano peculiari modalità di intendere i rapporti sociali di lavoro. Nella prima parte del saggio sono richiamate le caratteristiche salienti del composito mondo delle pratiche formati- ve in tema di sicurezza sul lavoro. In specifico si analizzano le diverse modalità di concepire il rapporto tra conoscenza ed organizzazione nelle diverse prospettive in cui si sviluppa le formazione in tema di sicurezza nell’ambito delle organizzazioni economiche. In particolare ci si sofferma poi sulla prospettiva culturale e sociale al tema dell’apprendimento organizzativo. Infine, alla luce della cornice concettuale delineata saranno presentate le risultanze di un’esperienza di ricerca per esplorare il significato assunto da pratiche situate di formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e di come esse contribuiscono a configurare il rapporto tra lavoro e sicurezza.


Keywords: Formazione, sicurezza, cultura, pratiche, apprendimento organizzativo, modalità di coordinamento

  1. Aa.V.v. (2009), L’informazione prima dell’informazione. Conoscenza e scelte pubbliche. La Rivista delle Politiche Sociali, 3, luglio-settembre.
  2. Bifulco L. (2002), Che cos’è una organizzazione. Carocci: Roma.
  3. Bocchi G. (2010), Conoscenza, lavoro, formazione nel tempo della complessità. Sociologia del Lavoro, 120: 23-33,, DOI: 10.3280/SL2010-120002
  4. Bolognini B. (2012), La formazione nelle organizzazioni. Roma: Carocci.
  5. Boltanski L. Chiappello E. (1999), Le nouvel esprit du capitalism. Paris: Gallimard.
  6. Bonazzi G. (2002), Come studiare le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  7. Borghi V., de Leonardis O., Procacci G., a cura di (2013), Le ragioni della politica II. I discorsi delle politiche. Napoli: Liguori.
  8. Borghi V., Rizza R. (2006), L’organizzazione sociale del lavoro. Lo statuto del lavoro e le sue trasformazioni. Milano: Bruno Mondadori.
  9. Bruni A., Gherardi S. (2007), Studiare le pratiche lavorative. Bologna: il Mulino.
  10. Butera F. (2009), Il cambiamento organizzativo. Roma-Bari: Laterza.
  11. Butera F. (2008), Organizzazione del lavoro della conoscenza e formazione. FOR. Rivista per la formazione, 76,, DOI: 10.1400/115431
  12. Cambi F. (2004), Saperi e competenze. Roma-Bari: Laterza.
  13. Catino M. (2006), Logiche dell’indagine: oltre la cultura della colpa. Rassegna Italiana di Sociologia, 1: 7-36., DOI: 10.1423/21757
  14. Catino M. (2009), Miopia organizzativa. Problemi di razionalità e previsione nelle organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  15. Catino M. (2012), Capire le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  16. de Leonardis O., Negrelli S., Salais R., eds (2012), Democracy and capabilities for voice. Welfare, Work and Public deliberation in Europe. Brussels: P.I.E. Peter Lang.
  17. DiMaggio P.J., Powell W.W. (2000), La gabbia di ferro rivisitata. Isomorfismo istituzionale e razionalità collettiva nei campi organizzativi. In: DiMaggio P.J.,
  18. Powell W.W. (a cura di), Il neoistituzionalismo nell’analisi organizzativa. Torino: Edizioni di Comunità.
  19. Dubreuil F., Gautier B. (2011), Mesure de la santè et maladie de la mesure: le contrôle des corps dans une usine de production automobile. Sociologie Pratiques, 22: 63-78.
  20. Ferrante M., Zan S. (2003), Il fenomeno organizzativo. Roma: Carocci.
  21. Gallina V. (2010), Bisogni formativi e politiche di welfare. Sociologia del Lavoro, 120: 139-152., DOI: 10.3280/SL2010-120007
  22. Gherardi S., Nicolini D., Odella F. (1997), La cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro. Sviluppo&Organizzazione, 162, luglio/agosto: 15-30.
  23. Gherardi S. (2009), Le pratiche del lavoro. Sviluppo & Organizzazione, 233, maggio giugno: 42-52.
  24. Gherardi S., Nicolini D. (2004), Apprendimento e conoscenza nelle organizzazioni. Roma: Carocci.
  25. Giullari B., Ruffino M. (2012), Descrivere, classificare, contare: produzione, utilizzo e criticità delle rappresentazioni del lavoro. Sociologia del Lavoro, 129: 9-21.
  26. Giullari B. (2006), Lavoro, occupabilità e trasformazioni del sistema formativo nella società della conoscenza. Milano: FrancoAngeli.
  27. Giullari B. (2010), Tra lavoro e conoscenza. Una introduzione. Sociologia del Lavoro, 120: 7-22,, DOI: 10.3280/SL2010-120001
  28. Grandi S., Sansavini M., Zaramella S. (2010) Rischio psico-sociale: una mappa conoscitiva, i ‘nodi’ problematici e le proposte. In: Folegani M., Tovoli D. a cura di, Sicurezza, qualità del lavoro e rischi psico-sociali, VIII Rapporto su salute e sicurezza in Emilia-Romagna. Bologna: Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia-Romagna.
  29. Illich I. (1975), Némésis médicale. Paris: Seuil.
  30. Isfol (2012), XIII Rapporto sulla formazione continua. Roma
  31. Leonardi L. (2009), Capacitazioni, lavoro e welfare. La ricerca di nuovi equilibri tra stato e mercato: ripartire dall’Europa?. Stato e Mercato, 85,, DOI: 10.1425/29256
  32. Meghnagi S. (2006), Competenza. La Rivista delle Politiche Sociali, 4. Montedoro C. (2001), Il quadro teorico per la formazione. In: Isfol, Dalla pratica alla teoria per la formazione: un percorso di ricerca epistemologica. Milano: FrancoAngeli.
  33. Neirotti P., Paolucci E. (2011), Il complesso legame fra investimenti in formazione e processi di innovazione. Alcune evidenze dalle grandi imprese italiane. Studi organizzativi, 1: 112-143., DOI: 10.3280/SO2011-001005
  34. Nicolini D. (2001), Il tessuto interorganizzativo della sicurezza: una visione prossimale. Studi Organizzativi, 2-3: 93-116,, DOI: 10.1400/68587
  35. Nonaka I. (1994), A Dynamic theory of Organizational Knowledge Creation. Organization Sciences, 5, 1: 14-37.
  36. Pichierri A. (2005), Introduzione alla sociologia economica. Roma-Bari: Laterza.
  37. Rullani E. (2004), L’economia della conoscenza. Roma: Carocci.
  38. Santoianni F., Striano M. (2003), Modelli teorici e metodologici dell’apprendimento. Roma-Bari: Laterza.
  39. Sen A. (1992), Inequality reexamined. Oxford: Oxford University Press.
  40. Sen A. (1999), Development as freedom. Oxford: Oxford University Press.
  41. Sennett R. (1999), L’uomo flessibile: le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli.
  42. Trigilia C. (2009), Sociologia economica. Temi e percorsi contemporanei. (Ed. or. 1998), Bologna: il Mulino.
  43. Weick K.E. (1997), Senso e significato nell’organizzazione. Milano: Cortina.
  44. Wenger E. (2000), Comunità di pratica e sistemi sociali di apprendimento. Studi organizzativi, 1: 11-34,, DOI: 10.1400/132615
  45. Yin R.K. (2005), Lo studio di caso nella ricerca scientifica: progetto e metodi. Roma: Armando.
  46. Zimmermann B. (2011), Ce que travailler veut dire. Une sociologie des capacities et des parcours professionnels. Paris: Economica.

Barbara Giullari, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 130/2013, pp. 172-190, DOI:10.3280/SL2013-130011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche